Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

mercoledì 2 novembre 2016

SCAVIAMO PER TROVARE GEMME SPIRITUALI: LAMENTAZIONI:1-5


Cosa avete imparato su Geova dai capitoli in programma questa settimana?



Lamentazioni 1:18a
“ Geova è giusto, poiché mi sono ribellata contro la sua bocca…”

Geova era giusto nel punire la ribelle Gerusalemme. 

Benché sia un Dio misericordioso e clemente, continuerà ad esercitare la sua Giustizia quando interverrà negli affari umani per punire, con debita misura, i trasgressori delle sue leggi. 

………………………………

Lamentazioni 3:8
“ Inoltre, quando grido aiuto e invoco soccorso, in effetti ostacola la mia preghiera…”

Quando su Gerusalemme si abbatté la calamità, Geova rifiutò di ascoltare il grido di aiuto degli abitanti. Perché? Perché il suo popolo gli aveva disubbidito e non si era pentito. 

Se vogliamo che Geova esaudisca le nostre preghiere, dobbiamo ubbidirgli sempre. 

…………………………………

Lamentazioni 3:39-40 
“ Come può un uomo vivente indulgere nelle lamentele, un uomo robusto, a causa del suo peccato?  Scrutiamo le nostre vie ed esploriamole, e torniamo fino a Geova…”

Invece di lamentarsi, gli Israeliti sarebbero dovuti tornare a Geova implorando la sua misericordia.

Non è saggio indulgere nelle lamentele quando si soffre a causa dei propri peccati. Anziché lamentarci, perché subiamo le conseguenze degli errori commessi, scrutiamo le nostre vie ed esploriamole e torniamo a Geova.

Chi è saggio mostrerà pentimento e correggerà le sue vie. 

..................................................

Quali altre gemme spirituali avete scoperto nei capitoli in programma questa settimana?



Lamentazioni 3:16
“ E fa rompere i miei denti con la ghiaia. Mi ha fatto accasciare nella cenere…” 

Una delle calamità che Geova permise venissero sull’infedele Gerusalemme, in conseguenza della caduta della città in mano ai Babilonesi, viene descritta con le parole: “Fa rompere i miei denti con la ghiaia”. 

Evidentemente, nel viaggio che li portava in esilio gli israeliti dovettero cuocere il pane in buche scavate nel terreno. In questo modo nel pane ci finivano dei sassolini, e chi lo mangiava rischiava di rompersi qualche dente.

Quando, sotto qualche aspetto, veniamo meno a qualche comando di Dio, ci sarà sempre qualche triste conseguenza e un prezzo da pagare. Sarebbe saggio risparmiarsi dei guai.

.................................................

Lamentazioni 4:3
“ Anche gli stessi sciacalli han presentato la poppa. Hanno allattato i loro piccoli. La figlia del mio popolo diviene crudele, come gli struzzi nel deserto

Perché Geremia paragonò la figlia del [suo] popolo‖ agli struzzi nel deserto? 

La femmina dello struzzo ―in effetti tratta duramente i suoi figli, come se non fossero suoi. Dopo la schiusa delle uova, per esempio, si allontana insieme ad altre femmine mentre il maschio si occupa dei piccoli. E cosa succede in caso di pericolo? Sia il maschio che la femmina scappano abbandonando i piccoli nel nido.

Durante l‘assedio Babilonese la carestia a Gerusalemme divenne così terribile che le madri, le quali in condizioni normali sarebbero state compassionevoli, divennero crudeli con i figli, come fanno gli struzzi nel deserto. 







Posta un commento