Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

domenica 30 dicembre 2018

USIAMO BENE LE PAROLE_


“ Il Congregatore ha cercato di trovare parole piacevoli ”_

Così scriveva circa 3000 anni fa il re Salomone, e mai come oggi è riconosciuta l’importanza di scegliere le parole giuste, specialmente quando parliamo con chi ci sta a cuore.

La scienza ha scoperto che le parole sono come delle potenti frecce, precisi bersagli che arrivano al cervello. Si possono paragonare ai farmaci che la medicina usa nella routine clinica, perchè innescano gli stessi meccanismi nella nostra mente e, modificano il cervello e il corpo di chi soffre. Recenti scoperte dimostrano che le parole attivano le stesse vie biochimiche di farmaci come la morfina e l’aspirina.


Tutto questo avviene regolarmente ogni giorno nel cervello umano. Un insieme di molecole come la dopamina e l’ossitocina, costituiscono una vera e propria farmacia interna attivata dalle relazioni fra gli individui. Se io ho fiducia in te e spero di stare meglio, le tue parole incoraggianti iniziano a produrre degli antidolorifici naturali in me, e il dolore diminuisce.

Ma le tue parole possono anche farmi tanto male. Se sono usate in modo inappropriato possono essere tossiche e produrre danni, possono indurre ansia, depressione, sconforto, e quindi il loro uso deve essere ponderato adeguatamente, per evitare, addirittura, che una malattia, già di per sé invalidante, venga aggravata da parole avventate e spropositate.

Le mie parole possono guarirti. Ma le mie parole possono anche farti ammalare. E tutto questo avviene con effetti, meccanismi e azioni simili ai farmaci. Non è incredibile?

………………………

Nessun commento: