Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

giovedì 5 marzo 2015

MANUALE AUTODIFESA VERBALE (4)


Noi vogliamo vivere pacificamente con tutti. Essendo Cristiani Testimoni di Geova è una nostra priorità. Quando abbiamo qualche malinteso con un nostro fratello cerchiamo di risolverlo sempre seguendo i principi biblici, ma è una realtà che siamo circondati da un mondo che viaggia in altre direzioni. Le persone sono per lo più egoiste e non disposte a nessun accordo. Cosa fare, come agire in situazioni estreme? 

Vi sto segnalando qualche alternativa, può essere interessante seguirla e vedere se ne traete dei benefici. 

Qualcuno vi aggredisce verbalmente e voi non dite assolutamente niente! Proprio così: non solo non dite niente, ma, questo è l’aspetto più importante, il vostro silenzio non vi irrita nemmeno. Siete felici di rimanere zitti,  e alla fine vi date anche un colpetto sulla spalla e vi congratulate con voi stessi per essere riusciti a tenere la bocca chiusa. 

Non avete accettato il duello verbale che l’altro vi ha proposto. I suoi sforzi per colpirvi sono stati vanificati dall'immobilità del vostro impassibile mutismo. Bravi! Questo è quello che si chiama vero spirito autonomo e pacifico. Potreste stringere la mano a Gandhi.

Al contrario di quello che si crede non dire niente è facilissimo. L'importante è non dare l’impressione di non sapere cosa dire. Evitate quindi di mangiucchiarvi nervosamente le unghie o il labbro inferiore mentre rimanete muti, e prestate attenzione al vostro atteggiamento per non sembrare in imbarazzo.



E' vero, non dire niente potrebbe dare ad alcuni un’impressione di tristezza, di vuoto, di arrendevolezza. In realtà le cose non stanno così.
Quando riuscite a non dire niente create un problema all'offensore. Inaspettatamente non trova alcun appiglio, niente che lo sproni a proseguire la sua filippica contro di voi.

Ignorare i commenti inopportuni è, spesso, la scelta migliore che potete fare. Ignorate punzecchiature, frecciatine, critiche personali e altri attacchi verbali, e concentratevi sulle vostre intenzioni. Il vostro silenzio contribuirà a pulire a fondo, tutto.

All'inizio vi sembrerà che state perdendo. Non vi fate ingannare, state vincendo voi. Quando l’altro si sentirà ignorato, rimarrà completamente spiazzato. Comincerà a non capirci più niente! Non saprà più cosa fare. Non è una vittoria questa? Che si bisticci da solo, non potete farci niente.

Mi rendo conto che alcuni riterranno il silenzio un argomento troppo debole per una costruttiva autodifesa verbale. Non ce la fanno a stare zitti perché non ne capiscono il valore e la sostanza.

Fa niente, vi suggerirò altri metodi alternativi.




Posta un commento