Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

giovedì 11 maggio 2017

TI SENTO E NON TI SENTO_


La nostra parte per fare in modo che alcuni conoscano e comincino a servire Geova è modestissima! Alla fine è Lui a fare crescere, ma se ci ha chiamati a divenire suoi collaboratori, vogliamo e, dobbiamo farlo al meglio delle nostre capacità.

Esemplificando si potrebbe dire che Geova è il grande Progettista del quadro elettrico e noi siamo un modestissimo filo di contatto tra Lui e la persona a cui parliamo della Bibbia.

Abbiamo una posizione modesta ma non trascurabile, anche il filo elettrico che permette il passaggio della corrente è utile. Noi abbiamo un messaggio vitale da passare alle persone. E’ importante come lo passiamo? Certamente!

Ripensiamo al semplice gioco di passare una palla a qualcuno. Ci sono due modi per farlo. Possiamo lanciare la palla in modo che l’altro la prenda o in modo che non la prenda?

Noi vogliamo passare la nostra palla, il nostro messaggio Biblico alle persone, rendendo facile per loro riceverlo. Come possiamo fare? E’ importante quello che diciamo, ma è altrettanto importante anche come lo diciamo. 

Può sembrare una cosa trascurabile, ma una cosa necessaria è, adattare il volume con cui parliamo a quello usato dal padrone di casa. Ci sono delle persone che quando parlano usano toni di voce alti, altre che amano parlare a bassa voce. Chi usa un volume più alto pensa che questo sia un modo di dimostrare sicurezza. Questa è una caratteristica degli estroversi. I toni bassi fanno pensare alla persona timida, chiusa, insicura.



Allora cosa c’entra il volume con cui parliamo con il messaggio che portiamo? La persona che, per abitudine, parla a bassa voce, considera poco educata chi non lo fa. Si trova a disagio con essa. Lo stesso disagio che ha chi è abituato a parlare in una certa maniera e si trova invece un interlocutore che sussurra le parole.

Di norma quando siamo davanti ad una porta è sempre meglio usare un tono di voce più basso, le voci si amplificano nei palazzi e, se non stiamo attenti, quello che diciamo viene sentito anche negli altri piani. I condomini quando sentono chiacchierare nelle scale sono restii ad aprire le porte della loro casa.

Quando ci troviamo nelle case o in strada sarà certamente più semplice e facile abbassare o alzare il volume con cui parliamo, adattandolo al nostro interlocutore.

Immaginate due persone che iniziano una conversazione, una parla a bassa voce e l’altra grida. Può avere un futuro questa conversazione? Allora cosa dobbiamo fare? Una cosa semplice, cercare di adattare il volume con cui parliamo a quello del nostro padrone di casa. Abbassare o alzare di poco il volume delle nostre parole non è un'impresa titanica, tutti possiamo riuscirci.

Se ci esercitiamo nel farlo regolarmente con i nostri familiari o quando andiamo a fare la spesa
ci diventerà sempre più facile farlo.

Facendo in questa maniera riusciremo a iniziare nuovi studi biblici? Non vi posso garantire questo, ma di una cosa potete essere certi, le persone ci troveranno più simpatici e avremo più successo nei rapporti con gli altri. 

Posta un commento