Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

giovedì 27 febbraio 2014

LA LAMPA DI SANT'ANTUONO!


La Tradizione è durata a lungo, ed ancora negli anni 80', era una bella sfida a chi faceva la "Lampa" più grande in alcune piazze cittadine.
La sera del 17 gennaio era una data molto attesa. Eravamo tutti entusiasti a fare i preparativi per la Piramide Di Fuoco!

Questa usanza del fuoco collegata a Sant'Antonio, per me era un mistero; e tuttora non mi pare di averci trovato nessuna spiegazione ragionevole. Fatto è, che qui da noi, a Salerno, ma anche in altre zone d’Italia, vigeva questa antica Tradizione. Dare fuoco a una grande pira preparata con cura i giorni precedenti.



A noi ragazzini toccava di raccogliere il materiale da bruciare. Qualsiasi cosa che potesse alimentare la fiamma era ben accetto.  Tutti nel vicinato avevano qualcosa da "offrire" al santo. Quello che non serviva più ed infastidiva in casa, veniva semplicemente buttato giù dalla finestra nel cortile, dove noi ragazzi eravamo pronti, sia a schivare le bombe provenienti dal cielo che a raccoglierle e portarle sulla piramide sempre più alta, e sempre più pericolante.

Noi abitavamo nelle palazzine popolari di Salerno, in zona Vestuti, dalla parte dei distinti dello stadio, queste palazzine avevano ampi cortili davanti che ci permettevano mille giochi, e una volta all'anno, erano sede della Lampa in oggetto. Questo era il nostro cortile che ospitava il fuoco:



Quando era chiaro a tutti, che l'aggiunta di altri materiali avrebbero potuto provocare solo il catastrofico sfacelo della piramide, si era pronti a dare avvio al fuoco. Bisognava solo attendere che facesse buio. Bastavano pochi minuti e la piramide si trasformava  in  una incontenibile fiamma ardente, sulla quale venivano man mano buttati anche i rimanenti materiali che non avevano trovato posto inizialmente. 

E stavamo per ore ad ammirare la fiamma, a commentare gli scoppiettii di qualche mobile più vecchio che lanciava scintille in tutte le direzioni. Era inverno inoltrato, e normalmente la serata era molto fredda. Tutti intorno al fuoco per ore, chissà quali pensieri affollavano la nostra mente, forse pensavamo a come sarebbe stata la nostra vita futura. O più terra terra, se il nostro fuoco, in qualche misura era più grande e imponente dell’anno prima; o almeno migliore dei fuochi nelle piazze vicine.

Quasi tutti, alla fine, portavano a casa un po' della brace residua. Veniva  riversata  nei bracieri casalinghi, che all'epoca, erano l'unico sistema di riscaldamento. Fra le altre cose, nella lampa si bruciavano gli alberi di natale sopravvissuti alle feste. Essa  rappresentava per noi l’inizio del periodo di carnevale.

Posta un commento