Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

mercoledì 1 giugno 2016

IL BATTESIMO!


E c’è chi ha il coraggio di criticare i Genitori perché insegnano la parola di Dio ai figli! Secondo questo illuminato pensiero i genitori dovrebbero preoccuparsi delle cose materiali e della salute del figlio, ma lasciare l’insegnamento religioso alla scuola, alla chiesa, al caso. I risultati di questa modo di pensare sono sotto gli occhi di tutti. 

Cosa sanno i ragazzi di Dio e della Bibbia?  Alcuni anni fa un maestro delle elementari, in provincia di Napoli raccolse in un libro alcuni temi redatti da bambini su temi religiosi. Sicuramente è solo la punta dell’iceberg, ma siamo sicuri che si tratti solo di una minoranza?

TEMA:  IL BATTESIMO!

La parola «Battesimo» è una parola famosissima, che si pronuncia: «Battesimo» in tutte le lingue del mondo, perché deriva da San Giovanni Battista.

Giovanni Battista lavorava nel deserto, Battezzava i peccatori e li lavava con lo Spirito Santo. Era vestito di stracci e digiunava quaranta giorni al mese.


Egli battezzò un fiume «Giordano» e gridava tutto solo nel deserto ma nessuno lo sentiva; solo se tirava un po' di vento o c'era l'eco si capiva qualcosa, ma di rado. Così non sapremo mai perché gridava tanto.

Quando incontrò Gesù, Giovanni per poco non sveniva dall'emozione, ma Gesù lo guardò con i suoi occhi azzurri e lui riprese fiato.

Ma purtroppo a quel tempo c'era un Re cattivissimo che si chiamava Erode Antico. Erode Antico fece arrestare Giovanni e lo buttò in prigione per far piacere alla moglie, che non si voleva Battezzare. Poi arrivò una ballerina, Salomè, che danzò per lui e come regalo chiese la testa di Giovanni Battista. 

Erode prima non gliela voleva dare, per paura che se la sognava, poi l'accontentò. La testa la misero in un piatto d'oro, il corpo lo lasciarono seduto in prigione.

Posta un commento