Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

venerdì 10 giugno 2016

LA SALERNO CHE FU! (76)


Vi ricordate la prima volta che avete sentito parlare delle Assicurazioni? A qualcuno nella Salerno che fu è successo a scuola. 

Queste venivano visitate da coppie che facevano scrivere sui quaderni, perché le leggessero i genitori, tre o quattro righe in cui si diceva che, con poca spesa, avrebbero potuto Assicurare contro le principali malattie, gli investimenti da parte dei tram, delle carrozzelle e delle poche ma già temibili automobili e, con qualche cosetta in più, anche contro la stessa Morte. Senza l’Assicurazione, invece poteva capitarti di tutto. 

Una volta arrivati a casa, la lettura di quelle poche righe da parte dei numerosi parenti, provocava una reazione che avrebbe certamente sbalordito etnologi e sociologi che avessero avuto la ventura di assistervi. 


Padri e nonni si davano da fare con tutte le pratiche anti-iettatorie allora conosciute; Le mamme e le sorelle più grandi si affacciavano ai balconi e rivolgevano in direzione della scuola osceni gesti per l’allontanamento del malocchio.

Quando l’ignara coppia di Assicuratori ritornava a scuola trovava le risposte appese al collo di ogni bambino, con le figure dei più efficaci santi, rafforzati da corni e amuleti di varia grandezza e colore. 

La gente all'epoca, nella Salerno che fu, contava come unica polizza assicurativa sulla protezione della madonna di Pompei. 

<< Figlio mio, se ti chiedono perché non vuoi fare l’assicurazione, digli che tutte le mattine, appena ci svegliamo, noi ci raccomandiamo alla madonna di Pompei e al sacro cuore di Gesù. >>




Per chi ama le storie della Salerno che fu:
http://rideresalerno.blogspot.it/2016/06/la-salerno-che-fu-75.html

Posta un commento