Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

mercoledì 29 marzo 2017

LA SALERNO CHE FU’ (101)


Naturalmente io non ho vissuto l’età del fascismo e la conseguente guerra, ma mi sono informato molto sull'epoca. Quello che succedeva, nella Salerno che fu, all'epoca del Fascismo succedeva nell'Italia intera.

……………………………

Guidare in Italia in quegli anni era qualcosa di complicatissimo. L’unico vantaggio erano le poche auto in circolazione. Le difficoltà non nascevano soltanto dallo stato delle strade rovinate, il codice della strada non chiariva se si dovesse guidare tenendo la destra oppure la sinistra. 

Una legge del 1912 stabiliva che in campagna si doveva guidare tenendo la destra, mentre in città le auto dovevano viaggiare sulla sinistra. Anche le regole sui sorpassi erano complicate. Per ovviare ad una situazione di caos, venne emanato un nuovo decreto nel 1923 che rendeva obbligatoria la circolazione a destra, ma il testo del decreto era terribile:
"Tutti i veicoli, gli animali da tiro, da soma o da sella, le mandrie e le greggi circolanti sulle strade ordinarie sia negli abitati sia in campagna, debbono portarsi a destra per incrociare ed alla sinistra per oltrepassare, avendo cura nelle svolte di mantenere la propria mano. Ogni veicolo che durante la marcia si mantenga nel centro della strada ha l’obbligo di portarsi alla sua destra ogni qualvolta un veicolo che lo segue lo abbia richiamato con segnalazioni”



Alla fine la circolazione a destra era rispettata solo nelle grandi città per la presenza dei numerosi incroci. Ma le auto fino al 1927, erano costruite con il volante a destra. Immaginate la difficoltà di dover circolare tenendo la destra con il volante a destra. 

A Milano, le proteste furono tali da costringere il direttore dell'azienda tranviaria alle dimissioni.
A Roma ci furono addirittura dei morti. La legge definitiva sul senso di circolazione in Italia fu promulgata nel 1933. 

Ma noi, nella Salerno che fu, per avere la prima auto familiare, una seicento molto usata, abbiamo dovuto attendere il 1965!

..........................................

Per chi ama le storie della Salerno che fu:
http://rideresalerno.blogspot.com/2017/03/la-salerno-che-fu-100.html

Posta un commento