Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

martedì 13 giugno 2017

LE VARIE ETA’ DELL’UOMO_


E c’è chi ha il coraggio di criticare i Genitori perché insegnano la parola di Dio ai Figli! Secondo il loro  illuminato pensiero, i Genitori dovrebbero preoccuparsi delle cose materiali e della salute del Figlio, ma lasciare l’insegnamento religioso alla scuola, alla chiesa, al caso. 

I risultati di questa modo di pensare sono sotto gli occhi di tutti. Cosa sanno i ragazzi di Dio e della Bibbia? Alcuni anni fa un maestro, in provincia di Napoli, raccolse in un libro alcuni temi redatti da bambini, anche su temi religiosi. Sicuramente è solo la punta dell’iceberg, ma siamo sicuri che si tratti solo di una minoranza?

TEMA: PARLA DELLE VARIE ETA’ DELL’ UOMO! 

La vita dell'uomo comincia nascendo e finisce morendo. Nei primi momenti della vita l'essere umano si chiama neonato, negli ultimi dovrebbe chiamarsi premorto, invece per educazione lo chiamano ancora vecchio.

Noi non conosciamo ancora bene la causa del pianto dei neonati, che può essere perché hanno fame, hanno sete, devono fare la pipì o perché si
devono grattare la schiena posteriore. Io da piccolo piangevo sempre e a volte diventavo viola dal lagno.


L'infanzia parte dai quattro anni e arriva ai sei quando comincia la scuola che li porta avanti fino alla quinta elementare, anno in cui comincia
l'adolescenza. L'infanzia è un periodo molto burrascoso della vita, bisogna scansare
parecchie malattie infettive come il morbillo e gli orecchioni. Inoltre nell'infanzia c'è pure molta presenza di pidocchi in giro.

L'adolescenza è la seconda epoca dello sviluppo umano. Il corpo cambia di statura e intensità. A scuola si va dalla prima media alla terza media. Un mio amico è diventato però adolescente alle elementari perché ha ripetuto tre volte.

La giovinezza per me è il livello più bello della vita umana. Essa corrisponde alla primavera in estate e con questo ho detto tutto. Nella maturità cominciano i pensieri, certe volte si è stanchi pure di parlare. Mio padre ha la maturità e sta sempre accasciato. Mia madre pure ha la maturità, ma si vede meno perché sta in casa.

Infine c'è la vecchiaia che è proprio una cosa bruttissima, pessima: forse è la vendetta del Diavolo perché Dio ci ha creati. I vecchi li chiamano anziani, ma è solo per addolcirli, perché sono vecchi e basta. 

Il mondo però è popolato soprattutto da «medi» che non sanno niente dell'infanzia e non vogliono sapere niente della vecchiaia. Io vorrei sapere il Padreterno che ci ha creato a fare a noi esseri umani, se alla fine dobbiamo diventare vecchi e morire. A me piace molto parlare con gli anziani perché ti lasciano dire ciò che vuoi e per paura che te ne vai ti fanno parlare senza interromperti mai.

Posta un commento