Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

giovedì 23 novembre 2017

LA FOLLE CORSA_ (3)


Negli anni antecedenti alla prima guerra mondiale nel mondo c’era grande ottimismo. Tutti prevedevano un glorioso futuro per l’umanità. Nessuno lo immaginava, ma stava per iniziare la "Folle Corsa!"

William Ewart Gladstone, un eminente uomo politico scomparso nel 1889 dichiarò:
 << Il mondo migliora di secolo in secolo. Eliminiamo dalla nostra mente il pessimismo e permettiamo all'ottimismo di diffondere la sua gloria sulle nostre anime e sulle  nostre vite da ora innanzi e per sempre. >>

Queste grandi speranze erano collegate anche alle nuove conquiste della scienza che in pochi decenni avevano trasformato, apparentemente in meglio, la vita della gente.

A Londra il 27 settembre 1825  era stata inaugurata la prima linea ferroviaria, invenzione del meccanico inglese Giorgio Stephenson. Con essa era possibile raggiungere la  portentosa velocità di 40 km all’ora. Non tutti si dimostrarono subito entusiasti della novità. C’era chi prevedeva ogni genere di sciagure, alcuni affermavano: “ I passeggeri saranno uccisi dalle scintille, le mucche non daranno più latte, le coltivazioni ne rimarranno inquinate.”



La città di Londra già dal 1816 era stata illuminata di notte da fanali a gas. La stessa cosa accadde alle altre maggiori città europee verso la metà del 1800. Adesso i cittadini potevano camminare anche di sera senza paura di essere aggrediti e derubati, ma c’era chi brontolava: “il gas nuoce alla salute, si va più in giro di notte e si prendono infreddature”. 

A Parigi il 28 dicembre del 1895 un imbonitore infreddolito annunciò davanti ad un locale appena aperto: “Entrate signore e signori, venite a vedere la prodigiosa meraviglia dei fratelli Lumiere. La fotografia animata, gli uomini che si muovono. Entrate, non costa più di un franco questo spettacolo meraviglioso. Nonostante la sua buona volontà solo trenta persone entrarono e si sedettero su scomode panche davanti ad uno schermo bianco che essi non immaginavano neppure a cosa dovesse servire. La visione non durò che pochi minuti, ma era nato il cinematografo!

Quando l’americano Singer, cominciò la fabbricazione in serie delle macchine da cucire, a Parigi i sarti, timorosi di perdere il lavoro, incendiarono e distrussero uno stabilimento dove si fabbricavano queste macchine. 

In breve tempo queste rivoluzionarie invenzioni entusiasmarono il mondo intero facendo immaginare una vita diversa per tutti. Non si doveva per forza soffrire in questo mondo per poi godere in cielo dopo morti, come insegnavano da tempo le loro religioni. Si poteva vivere una vita meravigliosa, e subito! 

Dove sta andando il mondo? Dove ci sta portando la Folle Corsa iniziata poco più di cento anni fa?
E soprattutto cosa possiamo aspettarci per il futuro dei nostri figli? 
Posta un commento