Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

mercoledì 2 novembre 2022

COSA ABBIAMO DI BELLO?

 

Come consideriamo la nostra vita? Ci piace la nostra casa? 

Apprezziamo la nostra famiglia?

Certamente oggi non possiamo aspirare ad una vita perfetta e senza ostacoli, ma lamentarsi sempre di tutto non sarà mai la soluzione.

Conoscete la storia del contadino e del poeta?

Un contadino stanco della solita routine quotidiana tra campi e duro lavoro, decise di vendere la sua tenuta.

Dovendo scrivere il cartello per la vendita pensò di chiedere aiuto al suo vicino che possedeva delle doti poetiche innate.

Questi accettò volentieri l’incarico e scrisse per lui un cartello che diceva:

<< Vendo un pezzettino di cielo, adornato da bellissimi fiori e verdi alberi, con un ruscello di acqua pura e cristallina. >>




Dopo avere consegnato il cartello al contadino il poeta partì per un viaggio di alcuni mesi. Al ritorno era convinto di trovare un nuovo vicino e invece ritrovò lo stesso contadino impegnato nei consueti lavori agricoli, e quindi gli chiese:

<< Amico come mai hai deciso di non vendere più? >>

Il contadino gli rispose sorridendo: 

<< Dopo aver letto il cartello che avevi scritto, ho capito che possedevo un bel pezzo di terra e che non ne avrei mai trovato un altro migliore. >>

Abbiamo compreso la lezione per noi?

Non aspettiamo che arrivi un poeta a farci un cartello che ci dica quanto è meravigliosa la nostra vita, la nostra casa e la nostra famiglia.

Invece di andare alla ricerca di mete inesplorate e incerte impariamo a riconoscere la bellezza di quello che abbiamo. 

Pensiamoci su un poco: 

COSA ABBIAMO DI BELLO?

giovedì 13 ottobre 2022

ANCHE QUELLO E' UN CICLO_

 

Riflettere sulle meraviglie della creazione è sempre qualcosa che ci fa sentire la premura. l'interesse e la bontà che il nostro impareggiabile Creatore ha messo in ogni sua opera.

Pensate al "ciclo dell'acqua."

Il sole scalda l'acqua presente negli oceani e sulla superficie terrestre e la fa evaporare per formare le nuvole. Quest'acqua rimane nell'atmosfera per una decina di giorni e poi cade al suolo sotto forma di pioggia e neve. L'acqua infine torna agli oceani e in altri bacini attraverso i fiumi. Questo ciclo si ripete all'infinito.



E poi c'è il ciclo dell'acqua inventato dagli uomini. Anche quello è un ciclo.

Apri il rubinetto di casa ed esce l'acqua. Ti arriva la bolletta da pagare. Vai alla posta e la paghi.

Oppure:

Apri il rubinetto di casa ed esce l'acqua. Ti arriva la bolletta da pagare, non hai i soldi e quindi non la paghi. Apri il rubinetto di casa e non esce più niente.




E per fortuna fino ad oggi nessuno ha ancora pensato di farci pagare anche l'ossigeno che respiriamo.

Felice giornata compagneros.

sabato 1 ottobre 2022

AI MONOPATTINI_

 

A guidare un’auto nel traffico cittadino si rischia molto.

Automobilisti distratti, arrabbiati e indisciplinati.

Può capitarti di incrociare un drogato o qualcuno sotto l’effetto dell’alcol.  

Poi ci sono le bici che dovrebbero viaggiare nelle apposite corsie riservate loro e invece spesso te le trovi davanti che ti tagliano la strada, passano con il rosso. Quando cerchi di sorpassare qualche ciclista per non investirlo vai spesso a finire nella corsia opposta e rischi l'auto, la vita tua e di chi ti viene di fronte.

Negli ultimi anni si è aggiunto un altro problema. I monopattini che aumentano sempre di più.

 



E allora cosa può succedere? Quello che è successo a Rimini qualche tempo fa:

Un ragazzo in monopattino è vittima di un incidente con un automobilista, arriva un’ambulanza a soccorrerlo, ma lungo il percorso travolge un altro ragazzo in monopattino.




Se poi ci metti che sul secondo monopattino viaggiava un giovane medico e che era anche ubriaco con un tasso alcolemico di 1,86g/l, ovvero quasi il quadruplo del limite consentito dal Codice della Strada, capisci, che come diceva un noto personaggio capitolino:

<< Annamo bene. Annamo proprio bene! >>

 


giovedì 15 settembre 2022

NON CE LA PUOI FARE_

 

Quante volte nella vostra vita avete incontrato persone negative? Quel tipo di persone che non credono a niente, non vogliono fare niente e soffrono se voi volete fare qualcosa?

Le loro frasi preferite sono:

<< Non vale la pena. Tanto è inutile. Chi te lo fa fare. >>

Le parole che ascoltiamo hanno un grande potere sulla nostra mente, potere molto spesso sottovalutato. La nostra mente è assolutamente precisa nel registrarle e ascoltare messaggi negativi ci scoraggia, ci deprime e reca danni alla nostra volontà. Deruba le migliori speranze del nostro cuore.

Ci vuole un grande sforzo per perseverare quando qualcuno ti dice di continuo che tanto non ce la farai mai. Dovremmo imparare a divenire sordi a questi messaggi. Ce la faremo?

Sarà più semplice per noi se ricorderemo la storia del:   " Ranocchio Sordo."





Era stata organizzata una gara di corsa per ranocchi. Il traguardo era sulla cima di una collina e si radunò molta gente per seguirli e fare il tifo.

La corsa si rivelò più dura del previsto e la gente nel guardarli arrancare cominciò a commentare:

<< Che pena, non ce la faranno mai! >>

I ranocchi poco alla volta cominciarono tutti a desistere, erano sempre meno quelli che tentavano di raggiungere la cima.

E la gente continuava a commentare ad alta voce:

<< Fermatevi! Così rischiate di morire, è un'impresa impossibile per un ranocchio. >>

Alla fine tutti si arresero e si ritirarono dalla gara tranne uno solo, che con grandi sforzi riuscì a raggiungere la cima e vincere la gara. 

A questo piccolo campione fu consegnata una targa ricordo ed una coppa. Avrebbero voluto  anche intervistarlo ma non fu possibile perché il ranocchio vincitore era sordo dalla nascita.




Capita la morale? Non ascoltate le persone negative e cercate di essere sempre sordi quando gli altri vi dicono che non potete realizzare i vostri sogni.

Avete un grande obbiettivo da raggiungere. Imparate a diventare sordi verso chi vuole privarvi della vittoria.





venerdì 26 agosto 2022

NEURONI ALLO SPECCHIO_

 

'Durante tutte le loro sofferenze, soffri anche lui...’       Isaia  63:9

Colpisce la capacità di Dio di comprendere a tal punto le nostre sofferenze da averne una partecipazione emotiva. Egli soffre insieme a noi.

Gli esseri umani sono stati creati a immagine e somiglianza di Dio, significa che abbiamo anche noi la capacità di immedesimarci e divenire partecipi dei sentimenti e delle sofferenze altrui?

Certo che sì! La capacità di riuscirci ha un nome: Empatia!

Grazie ad essa possiamo addirittura riuscire a sentire il dolore degli altri nel nostro cuore.

Ma c'è una spiegazione logica e scientifica di come questo possa avvenire? 

La spiegazione logica e scientifica si chiama: “Neuroni specchio".




Essi sono una classe di neuroni motori che nel nostro cervello si attivano involontariamente sia quando eseguiamo un'azione finalizzata, sia quando osserviamo la medesima azione finalizzata compiuta da un altro soggetto qualunque.

Ecco il motivo per cui ci immedesimiamo nelle storie. Ecco perché piangiamo quando vediamo un film. Riusciamo ad entrare a tal punto nella storia da diventarne quasi protagonisti. 

È come se tutto quello che stiamo vedendo nel film stesse accadendo proprio a noi. Entriamo completamente nel personaggio.

Naturalmente noi possiamo accrescere ulteriormente questa speciale abilità di aiutare gli altri diventando più attenti ai loro bisogni, più aperti, più interessati, più premurosi, più capaci di riflettere un'autentica personalità Cristiana.

Insomma visto che abbiamo questi neuroni: usiamoli bene per aiutare gli altri.


domenica 31 luglio 2022

QUELLI CHE FISSANO UNO SCHERMO_

 

In breve tempo siamo passati dalla generazione con lo schermo fisso, alla generazione di:

Quelli che fissano uno schermo.




Forse prima vivevamo una vita ricca di relazioni. La famiglia, gli amici, i colleghi di lavoro, il gruppo delle mamme, i compagni di calcetto, i patiti della palestra…

All'improvviso ci siamo trovati tutti rinchiusi nelle nostre case. Come abbiamo vissuto questa esperienza?

Avete mai sentito dire che dietro ad ogni crisi si aprono delle opportunità? La segregazione del corona-virus è’ stata un’occasione unica per aiutarci a capire l’importanza di concentrarci sulle nostre famiglie.

Certo i Social Network possono fare compagnia:

I contatti su WhatsApp, le dirette su Instagram, le riunioni su Zoom, i gruppi su Facebook, le video-chiamate …




Il corona-virus è stata un’occasione speciale per capire che la nostra famiglia viene prima di tutto. Si, prima dei video, dei post, delle gallerie e dei messaggi.

Non vogliamo mai dare ai nostri figli, al nostro partner e ai nostri amici, la sensazione che per noi contano meno di uno schermo.

Anche perché un giorno ci stancheremo di guardare gli schermi dei nostri apparecchi tecnologici e cercheremo ansiosamente lo sguardo dei nostri cari. 

Li troveremo ancora felici al nostro fianco?

È vero che intorno a noi ci capita di vedere cose strane. Al bar, al ristorante e nelle sale d’aspetto vediamo soltanto gente silenziosa concentrata sul proprio Smartphone.

Noi cerchiamo di essere persone sane ed equilibrate. Non fissiamoci su degli schermi, guardiamo chi ci sta intorno, e soprattutto parliamo con gli altri ed abbracciamo le persone che ci vogliono bene.





martedì 19 luglio 2022

COSE DA NON DIRE MAI_

 

A tutti piacerebbe aiutare un amico in difficoltà. Ma tra il dire e il fare c'è di mezzo...

Alcune frasi e modi di dire sarebbero proprio da evitare. Non aiutano e sono addirittura fastidiosi.




MA SI, TRANQUILLO, VEDRAI CHE POI PASSA_

Questa è una delle frasi più fastidiose che una persona nel bel mezzo di un problema esistenziale vuole sentirsi dire. 

Pretendere che una persona che sta vivendo un momento “brutto” si convinca all’istante che “poi passa” è pretenzioso e, anche, dannoso. Tranquillizzare a oltranza gli altri è gratuito e spesso inutile, così come è gratuito e spesso inutile cantare “andrà tutto bene” da un balcone mentre per strada la gente muore.

 

C’È ANCHE CHI STA PEGGIO_

Questa è proprio la frase che ci piace sentirci dire quando la nostra vita ha la parvenza di un piccolo e malconcio vascello nel mezzo di una tempesta. Allo stesso tempo, però, una frase del genere va dosata con estrema cura e usata soltanto quando l’interlocutore è calmo, tranquillo e disposto a un ragionamento costruttivo.


DEVI VEDERE IL BELLO NELLE COSE_

Questa frase è veramente brutta. A volte non si riesce proprio a vedere il bello nelle cose. 

Si potrebbe riuscire a farlo nel tempo, ma non subito. 


SI CHIUDE UNA PORTA E SI APRE UN PORTONE_

 Non è la cosa che ci piace sentirci dire, non subito almeno. 

Anche se fosse vero che dopo una porta chiusa si apre un portone (e non sempre lo è), resta comunque una frase da usare con le pinze, soprattutto quando il nostro interlocutore è in fase di stress.


È SOLO NELLA TUA TESTA_

Il fatto che sia solo nella sua testa, non lo rende meno reale.

Lui il male lo sente realmente. Bisogna rispettare i sentimenti altrui.



domenica 10 luglio 2022

VIVERE BENE_

 

UMBERTO VERONESI.


Presidente e fondatore della Fondazione ‘Umberto Veronesi’, ha ricoperto il ruolo di ‘Direttore scientifico Emerito’ dell’Istituto Europeo di Oncologia.

Si è inoltre distinto per le sue lotte in difesa dei Diritti degli Animali e dei Diritti Civili.

È morto l’8 novembre 2016 all’età di 91 anni nella sua casa di Milano.

Ecco i suoi consigli per una sana alimentazione ed una vita più longeva possibile:

<< Mangio una volta al giorno, complessivamente poco e rigorosamente vegetariano. Sono stato attaccato dai nutrizionisti che sostengono, probabilmente a ragione, che il pasto unico non è una buona abitudine alimentare. Io però non ho mai affermato che questa mia abitudine fosse una scelta dettata dalla salute. Sostengo che bisogna mangiare poco, ma sulla scansione dei pasti non sono un esperto: ho un atteggiamento del tutto personale verso il cibo. Per me mangiare è un premio, un atto di gioia, convivialità e socializzazione e dunque, se devo mangiare da solo, piuttosto non mangio. 

In secondo luogo, mangiare è per me un gesto etico. Per questo mi rifiuto di cibarmi di esseri viventi che amo, come ho già detto, e che inoltre rappresentano un alimento non sostenibile per il pianeta. Il consumo di carne aumenta l’ingiustizia alimentare, che fa sì che oltre un miliardo di persone muoia di fame e altrettante muoiano per eccesso di alimentazione. Non posso sopportare questo paradossale squilibrio, e questo è un motivo ulteriore per cui la carne mi ripugna. 

Mi piacciono invece i cibi semplici della dieta mediterranea: gli spaghetti al pomodoro e la pizza, ad esempio.




Un giorno alla settimana digiuno. Questo contribuisce a purificare il mio organismo. È una pausa per il fisico e un buon esercizio per la mente.

Il digiuno rende la mente più forte e più libera, dunque, più che una regola alimentare è per me un modo per forgiare il carattere, anche se la salute sicuramente ne trae giovamento. Se il corpo si purifica con alimentazione sana e digiuno, la mente diventa più efficiente, e questo è importante: ho già spiegato, infatti, come ritengo che la nostra età corrisponda a quella della nostra mente. >>


...................................................


Umberto Veronesi non era un credente. Se hai passato una intera vita in ospedale, se hai visto soffrire e morire migliaia di persone, e nessuno ti ha fatto uno studio Biblico da ragazzo per farti conoscere perché succedono queste cose, diventa difficile immaginare un Dio nella propria vita. 

Ma nelle cose dichiarate sopra riguardanti l'alimentazione, aveva la massima competenza. Gli uomini possono:

1)- Superare i 60 anni e cominciare un'odissea di cancro, diabete, ictus, ecc. ecc.

2)- Oppure riuscire ad arrivare e a superare i 90 anni conducendo una vita piena, attiva, ed esente da malattie invalidanti. 

Cosa fa la differenza nelle due possibilità? 

Quello che decidono di mangiare. Le loro scelte alimentari.

venerdì 1 luglio 2022

LA PROVA DEL DNA_

 

L’idea, già applicata in altre città nel mondo, arriva da Atrani, comune della Costiera Amalfitana di circa 800 abitanti. 

Al ritrovamento di un escremento, gli agenti della polizia locale in collaborazione con la società in house del Comune, preleveranno un campione e lo faranno analizzare, in modo da risalire al proprietario del cane che sarà immancabilmente sanzionato. 




Tutti i proprietari e detentori di cani che sono residenti, domiciliati o soggiornano per un periodo superiore a sette giorni ad Atrani (turisti compresi) saranno tenuti ad identificare geneticamente il proprio animale. 





Si incomincerà così per cercare di risolvere questo eterno problema, poi magari in futuro saranno coinvolti l’FBI e la CIA_

 

 


venerdì 24 giugno 2022

CHI HA SPOSTATO IL MIO FORMAGGIO?

 

Lo avete letto? È un piccolo libro che è uscito qualche anno fa.






Una storiella breve, densa di significati e insegnamenti, che fa comprendere ai lettori l’importanza e il valore dell’apertura al nuovo. Viene raccontata come se fosse una fiaba ed i protagonisti sono dei topolini.

Il “Formaggio” è la metafora di quello che vorremmo avere dalla vita (un lavoro soddisfacente e appagante, una bella relazione d’amore, tranquillità economica).

I personaggi fronteggiano i cambiamenti inattesi, ma solo uno di loro affronta il mutamento con successo. E spiega agli altri quello che ha imparato.

Ognuno di noi ha la propria concezione personale della natura del formaggio, ma tutti aspiriamo a possederlo perché siamo convinti che non possiamo vivere senza.

Se riusciamo ad ottenerlo ne diventiamo dipendenti, se lo perdiamo o ci viene sottratto ne rimaniamo sconvolti.

Questo libro vorrebbe insegnarci che:

1)- I cambiamenti nella vita sono inevitabili.

Ci sarà sempre qualcuno nella vita che sposterà il nostro formaggio.


2)- Dobbiamo essere attenti e se possibile prevedere i cambiamenti.

Essere pronti, sapere cosa fare quando il nostro formaggio ci verrà sottratto o nascosto.


3)- Controllare il cambiamento.

Dobbiamo annusare spesso il formaggio, accorgersi se qualche situazione sta cambiando intorno a noi.


4)- Adattarsi rapidamente al cambiamento.

 Perché non esiste un solo tipo di formaggio, potremmo trovarne anche uno migliore.


5)- Apprezzare il cambiamento.

Assaporare il gusto del nuovo. Le cose cambiano nella vita.


Non abituiamoci troppo, non dipendiamo totalmente da qualcosa o da qualcuno e nella vita ci sarà sempre qualcuno che sposterà il nostro formaggio.

Se lo sappiamo prima, ed accettiamo questa idea, affronteremo meglio i problemi futuri.

 


martedì 7 giugno 2022

NON ME NE SONO ANCORA ANDATO

 

Per due anni siete stati bravi, vi siete contagiati l’un l’altro, e non c’è stato un solo giorno in cui io non sia stato nominato. Ho fatto la fortuna, in TV, dei tanti virologi, microbiologi, infettivologi, immunologi, anestesisti-rianimatori, pneumologi, epidemiologi e astrologi. E dei tuttologi, anche.




Ogni giorno, puntuale, il bollettino di guerra: quanti contagi, quanti ricoveri, quanti vaccinati, quanti no, quanti decessi. E poi quante parole nuove vi ho fatto apprendere: hub, booster (che non ho capito perché non dite “richiamo”), droplet, lockdown, smart working e altre ancora.




Pensavo di restare sulla cresta dell’onda per tanto tempo ancora: cos’altro ci poteva essere di più grave e imprevedibile di me? E invece…

In tutti i TG non sono più la prima notizia, vengo verso la fine. Nei vari talk show non appaiono più i virologi e tutti gli altri, ora ci sono altri esperti. Quello che rimane è il bollettino di guerra (nel vero senso della parola): quanti feriti, quanti sfollati, quanti morti.

Ma ora voglio darvi un avvertimento:

STATE ATTENTI PERCHÈ IO NON ME NE SONO ANDATO.

Il Coronavirus


domenica 29 maggio 2022

PRIMA O POI ARRIVANO SEMPRE_

 

Quando Il generale Dwight D. Eisenhower arrivò con i propri uomini in quel campo di concentramento non ebbe il minimo dubbio.

Ordinò che fosse scattato il maggior numero di fotografie alle fosse comuni dove giacevano ossa, abiti, corpi scomposti scheletrici ammassati come piramidi casuali.

Ogni gelida baracca che fungeva da dormitorio, ogni filo spinato, ogni forno crematorio, le divise, i cappellini, le torri di controllo, le armi, gli strumenti di tortura. 

Fece fotografare tutto.

Eisenhower pretese che fossero condotti presso i campi di concentramento tutti gli abitanti tedeschi delle vicine città per vedere la realtà dei fatti e che, suddetti civili, fossero costretti a sotterrare i corpi dei morti. 

E poi affermò: 

<< Che si abbia il massimo della documentazione possibile, registrazioni filmate, fotografie, testimonianze, perché arriverà un giorno in cui qualche idiota si alzerà e dirà che tutto questo non è mai successo! >>

 




venerdì 20 maggio 2022

MESSE CLANDESTINE?


Quando si fa qualcosa senza avere l'approvazione dell'autorità, o contro il divieto delle leggi vigenti, si dice che si sta operando in maniera clandestina.

E noi chissà quante volte abbiamo sentito parlare di bische clandestine o, di corse clandestine.

Ma non avevamo mai sentito parlare di 'messe clandestine'. Il Covid 19 quando deciderà di andare via, ci lascerà anche questo ricordo.



NAPOLI. Irruzione dei carabinieri in una chiesa a Sant'Anastasia dove il parroco stava celebrando una messa a porte chiuse nonostante i divieti imposti per il contenimento del contagio da corona-virus. I militari della compagnia di Castello di Cisterna, sono entrati da un ingresso secondario mentre un frate celebrava regolarmente la messa delle otto. La funzione religiosa è stata interrotta ed i presenti sono stati identificati e denunciati. 

.......................................

MARSCIANO (Perugia). La messa per la domenica delle palme doveva essere celebrata “a porte chiuse” e in  s t re a m i n g,  e invece ora quattordici  persone, tra le quale due sacerdoti e un diacono, sono stati posti in isolamento domiciliare presso il proprio domicilio. Il filmato postato poi sui social mostra tra l’altro alcuni fedeli ricevere la comunione direttamente dalle mani del sacerdote. Il Comune ha subito attivato gli accertamenti della polizia locale per identificare i partecipanti a carico dei quali, oltre all'isolamento, si sta valutando l’adozione di sanzioni amministrative. 



ROCCA PRIORA (Roma).  In barba al decreto del governo in vigore per l'emergenza corona-virus che vieta ogni tipo di funzione religiosa, poco dopo le diciannove una ventina di fedeli sono entrati in chiesa dove ad attenderli c'era il parroco pronto per celebrare la messa. È stato il blitz dei carabinieri della stazione di Rocca Priora, che erano in pattugliamento proprio nella zona per far rispettare il decreto, a bloccare la funzione religiosa. I presenti sono stati tutti identificati e potrebbero essere stati segnalati all'autorità giudiziaria per l'inottemperanza ad un decreto e ordine governativo, che comporta una denuncia penale ed una ammenda di duecentosei euro.

......................................

FANO (Pesaro).  Per tutto il giorno a Fano non si è parlato d’altro che di quella messa clandestina. Un rito celebrato a porte aperte, la mattina della domenica delle Palme, all'interno della chiesa del porto di Fano. Una messa proibita a cui hanno partecipato numerosi fedeli.

E si! Sono state proprio Messe Clandestine_

martedì 3 maggio 2022

LE RIVINCITE DELLA VITA!


La vita a volte offre delle rivincite che tu non ti saresti mai aspettata. E che tu oggi sei cambiata, forse ne faresti anche a meno. Ma prendi tutto quello che ti arriva, perché è giusto così. 
Hai preso l’amaro della vita, ti farà mai male avere anche un pochettino di dolce?

Stai sguazzando su Internet, e cosa ti capita di rivedere? La ragazza pompon, quella che guardavano tutti. Quella senza un filo di cellulite. Quella che piaceva a tutti. Bella, popolare, e tu sognavi solo di essere come lei.

E guarda quest'altra! La bellona dell’università, quella alta, magra, intelligente, quella che stava col ragazzo con cui avresti voluto essere tu. Quella che invitavano tutti quando si dimenticavano di invitare te. Dai, tutte hanno avuto i loro incubi giovanili!



Ma poi, per fortuna, le hai perse di vista. E invece di vivere di riflesso la loro vita, hai cominciato a
vivere la tua. Pensavi di essere contenta solamente per il fatto di esserti liberata completamente di loro. Che continuassero a godersi la loro vita unica e privilegiata, ma lontano da te.

Ma poi è arrivato Facebook! All'inizio hai avuto timore. Confrontare ancora una volta la tua vita con gli incubi della tua giovinezza, e perdere di nuovo in maniera clamorosa?

E invece sei venuta a conoscere cose che hanno rivalutato tutta la tua esistenza.

Hanno sposato un fallito! Hanno preso 20 chili!
Hanno due figli brutti! Il fallito le ha lasciate per una più giovane! Stanno pensando di andare a:
"C’è posta per te!"

E' ti ricordi di quella cosa di cui tu avevi sempre sentito parlare senza dargli tanta importanza e senza averci mai creduto veramente,

" La Vita è uguale per tutte! "
Ed hai alzato grata agli occhi al cielo!

.....................................

venerdì 15 aprile 2022

SALERNO E I CAFFÈ _


Riassumere, in poche parole, la situazione delle attività commerciali a Salerno non è difficile:
" Chiusura totale degli esercizi commerciali, a differenza dei Caffè che continuano ad aprire, almeno fino al Covid 19 era così! "

Da noi si può fare a meno di tutto, ma non della scura polverina dal sapore inebriante, tanto celebrata in canzoni, poesie e opere. 

Tutta la giornata Salernitana è in effetti caratterizzata dai: "Momenti del Caffè."
Il risveglio, la prima colazione, l'incontro con un amico, la pausa di lavoro, la conclusione di un affare, ecc. ecc.

Caldo, freddo, lungo, ristretto, doppio, macchiato, corretto, dolce, amaro, in tazza piccola, in tazza grande, in tazza bollente, in vetro, in monouso, ce n'è per tutti i gusti.

Un alone di mistero avvolge ancora oggi il gusto di questa straordinaria bevanda che solleva lo spirito e ritempra il corpo. Eppure ci sarebbero tante nuove bibite e tanti sapori alternativi. Sembra davvero anacronistico il sopravvivere di una bevanda così antica e ricca di tradizioni, ma non riusciamo proprio a farne a meno.

Quale valore aggiunto da alla nostra vita questo nero infuso? Cosa lo rende così irrinunciabile per noi emeriti Salernitani? E' forse l'acqua? L'aria? Il clima? Mah!



A Salerno, oltre ai "Caffè",  esiste un’altra attività che non conosce cosa è la crisi. Sto parlando di quella gloriosa, degli Avvocati. Se vi recate al centro, non esiste palazzo in cui non vi si trovino almeno due o tre studi Legali.

Scendete al corso Vittorio Emanuele, entrate in un bar o in un ristorante all'ora di pranzo e guardatevi intorno. La maggioranza di quelli che vedete in giacca e cravatta, si, quelli con gli occhiali da sole in pieno inverno. Sono loro, non potete sbagliarvi.

Volete un metodo per riconoscere subito le donne Avvocato? Un metodo infallibile?
Trovatene una distinta, elegante, professionale.
Tipo maestrina, crocerossina, insomma un tipo che voi pensate subito: Questa non può essere un Avvocato! E invece lo è!

Si! Quelli con l'aria intelligente, furba e scocciata.
Non è possibile sbagliare, sono tutti Avvocati!



Ma come mai la nostra splendida città riesce a dare da vivere agiatamente a tutti questi soggetti legali? Ma come facciamo a bisticciarci così tanto da mantenere questa imponente moltitudine di nullafacenti tanto richiesti ed occupati?

Non saranno i troppi Caffè? 







sabato 2 aprile 2022

PERCHE GLI UOMINI SONO PIU’ FELICI DELLE DONNE? (2)



La bilancia della felicità sembra pendere decisamente dalla parte dell’uomo per diversi motivi, alcuni sono già stati esposti lin un precedente post:

http://rideresalerno.blogspot.it/2014/12/gli-uomini-sono-piu-felici-delle-donne.html


Ecco alcuni altri motivi che sembrano abbastanza convincenti:

........................................

I parcheggi non si restringono quando ci vedono.

Per una vacanza di cinque giorni ci serve una sola valigia.

Possiamo aprirci tutti i barattoli da soli.

Se abbiamo un'idea, neanche tanto geniale, ci danno subito credibilità.

Se qualcuno dimentica di invitarci, possiamo comunque rimanere suoi amici.





Non abbiamo mai spalline che ci scivolano dalla spalla quando siamo in pubblico.

Non ci rendiamo proprio conto quando i nostri vestiti sono stropicciati, quindi non ci poniamo il problema.

Abbiamo la faccia sempre di un unico colore. E anche di un unico metallo: Il bronzo!

Abbiamo sempre lo stesso taglio di capelli, per anni, a volte per decenni.

Dobbiamo solo toglierci i peli dalla faccia, e possiamo anche decidere se tenerci i baffi.

Possiamo giocare con la playstation per tutta la vita, senza apparire ridicoli.

....................................

Allora è vero che gli uomini sono più felici delle donne?

.......................................



venerdì 25 marzo 2022

MEDICINA IN ALLEGRIA!


Un uomo va a ritirare le sue analisi a un centro medico. 

Una piacente infermiera lo introduce nella stanza del medico che lo accoglie sorridendo e gli dice: 

<< Amico mio, devo darle due notizie, una cattiva, molto cattiva. Però c’è ne anche una bellissima. Quale desidera ascoltare prima? >>

L’uomo sbianca e dice:  << Mi dica prima quella cattiva, cosi dopo mi consolo con la buona! >> 

<< Ebbene, le rimangono pochi giorni di vita. >> 
Dice il medico.



L’uomo con un filo di voce: << E’ qual è la buona notizia? >>

E il medico compiaciuto:
<< L’infermiera che l’ha fatta entrare, l’ha notata? Quella giovane, alta, bionda? Ma come non l’ha vista? Con il fiore fra i capelli, il completo rosa, il foulard rosso? Ieri ci siamo fidanzati! >>

......................................................




mercoledì 2 marzo 2022

SALVATE IL VOSTRO MATRIMONIO!


Si avvicinava il giorno dell'Anniversario, così chiese alla Moglie se aveva il desiderio di andare in qualche posto particolare. Lei rispose:
<< Vorrei andare dove non vado da molto tempo! >>

E allora gli chiese di andare un poco in cucina!

....................................

A parte gli scherzi, io credo che se le Mogli stessero di più in cucina, si rovinerebbero meno matrimoni. Credo anche che, se le coppie, invece di bisticciarsi su chi deve comprarsi l’ultimo tipo di Smartphone o quale Reality guardarsi in televisione, si sedessero sul divano e si gustassero in pace un paio di questi cioccolatini guardandosi negli occhi, ci sarebbero meno separazioni. 

Guardatevi la ricetta e fateveli da Voi_






Un Consiglio personale, non mangiateli di sera. Io l’ho fatto. Sono stato tutta la notte con gli occhi spalancati. Una notte da Incubo!

La ricetta la trovate sempre sul miglior Blog di Cucina che io conosco! E' vero, incidentalmente è anche quello di mia Moglie! Ma anche io devo salvare il mio Matrimonio, o no?

giovedì 24 febbraio 2022

TRE MOTIVI SERI PER INIZIARE UNA DIETA!


Le Diete per perdere peso, non sono una invenzione moderna. La prima dieta storica di cui siamo a conoscenza, risale al 668 a.C.  

Un atleta Greco, di nome Charmis, un duecentometrista di Sparta, raccontò, dopo una sua vittoria alla 28a Olimpiade, di essersi nutrito, durante gli allenamenti, solo di formaggio, noci e fichi secchi.

A volte però, le diete servono veramente, sono addirittura necessarie. Non se ne può proprio fare  a meno. Diciamo che sono almeno tre i motivi seri per mettersi a Dieta:

1)- Ti svegli una mattina, entri in bagno, sali sulla bilancia e…Non vedi più la bilancia! 

2) Oppure, ugualmente, ti svegli una mattina, entri in bagno, sali sulla bilancia e…  Si sfonda la bilancia!

3) Oppure, fai la prova  specchio e, riflesso, vedi qualcosa del genere…




Invece io, che non ho il problema e, quindi non sono a Dieta, oggi voglio dedicarmi ad approfondire seriamente questo tema scottante:




Quando fa freddo ci vuole qualcosa di scottante!


" Raviolini piccini, facili, e veloci! "

Per informazioni, procedimento ed altro vi rimandiamo al solito grande blog:
http://blog.cookaround.com/bricioledidolcezza/raviolini-piccini-facili-e-veloci/






giovedì 27 gennaio 2022

I VANTAGGI DELLA DISOCCUPAZIONE !


Un Uomo si reca al Comune di Napoli per sbrigare una pratica. Arriva alle quattro del pomeriggio e non trova nessuno negli uffici, neppure il Sindaco! C'è soltanto un anziano Usciere nella guardiola. 

L'Uomo chiede:  
<< Scusate, qui il pomeriggio non Lavorano? >>

L'Usciere risponde: 
<< No! Il pomeriggio non vengono, è la mattina che non Lavorano! >>

---------------------------------

Questi sono quelli che Lavorano. E poi  ci sono i Disoccupati…



 La Disoccupazione è Brutta! Ma nelle nostre Zone non è tanto brutta!

Pensate cosa potrebbe significare, che ne so, essere disoccupati a Montecarlo o a Sanremo. Città piene di Banche, strade piene di Ferrari, Bidelli che viaggiano  in Mercedes… 

Essere Disoccupati in quei posti è un vera iattura, un guaio, una cosa complicatissima.

Se abiti in queste Località, se non lavori, sei veramente nei pasticci.
Con chi socializzi? Chi ti consola? Con chi vai al Bar a giocare a carte? Dove li trovi altri nove Disoccupati liberi per la partita di Calcetto?

Solo da noi, per fortuna, si trovano buoni Amici Disoccupati, sempre disponibili, che ti fanno compagnia e che ti possono capire!

Siamo la Terra promessa dei Nullafacenti!



…………………………




domenica 2 gennaio 2022

UN SAGGIO SALERNITANO_


In un tempo lontano, un imperatore Cinese convocò i più grandi saggi del suo sterminato impero. Aveva una richiesta importante. Dovevano condensargli in un libro, il più piccolo possibile, la formula più efficace per trovare pace e serenità nella sua vita.



Grandi pensatori si misero all'opera e, facendo un miracolo di sintesi delle più profonde intuizioni dei maestri del passato, gli presentarono un libro equivalente in forma e in peso a un volume di
un'enciclopedia. 

Non soddisfatto, l'imperatore fece loro tagliare la testa e convocò altri illustri filosofi. Essi ridussero le massime, e riuscirono a condensarle tutte in un volume tipo libro. 

Attraverso nuovi tentativi e il sacrificio di altri illustri cervelli, che seguivano la sorte delle teste in cui erano contenuti, l'imperatore riuscì a ottenere un libricino di pensieri tranquillanti, non più grande di una scatola di fiammiferi. 

Il sovrano stava quasi per dichiararsi soddisfatto, quando ecco, gli parlarono di un illustre pensatore che viveva in una remotissima città occidentale chiamata Salerno. Lo mandò presto a chiamare e questi, gli presentò una miniatura di libro, non più grande dell'unghia di un pollice, assicurandolo che dentro, avrebbe trovato l’esatta formula, della più celeste serenità.

L'imperatore aprì quel quasi invisibile contenitore, e su di un’unica pagina, aiutato da un interprete fornito di una robusta lente d’ingrandimento, riuscì a leggere queste magiche paroline:

<< Se la pace vuoi, fatti i fatti tuoi, e non interessarti mai, di quello che la gente pensa e dice di te! >>


.........................................................




giovedì 23 dicembre 2021

COME NON PERDERE L’AMICA DEL CUORE!


Avere delle amiche, è sicuramente qualche cosa d’importante nella vita. Ci sono delle amicizie che durano da tanti anni e che si vorrebbe non finissero mai. Però nella vita possono capitare tante cose.

Per esempio cosa fare se due amiche provassero una sorta di attrazione per lo stesso ragazzo e nello stesso periodo? Quali regole sarebbe saggio seguire per non entrare in un contrasto fatale?

…………………………

Prima Regola:
Delle due, ha sempre la priorità quella che lo aveva ADOCCHIATO per prima.

.......................................


E se per una combinazione fatale avessero entrambe messo gli occhi sul soggetto nello stesso momento?

Seconda regola:
Se le due lo hanno concupito nello stesso momento, ha la priorità quella che è single da più tempo.



E se per caso entrambe fossero single da tantissimo tempo?

Terza regola:
Se dovesse verificarsi questa triste situazione, si tenterà un “Sereno” accordo, con la possibilità di fare intervenire un mediatore.

........................................

E se anche un Mediatore non riuscisse a mettere d’accordo le due aspiranti fidanzate?

Quarta regola:
Si potrebbe trovare una soluzione estrema. Mediante una donazione, (vestito, accessorio, prodotto di bellezza,) dalla parte acquistante il fidanzato, alla parte cedente. Insomma lasciare campo libero all'amica in cambio di qualcosa di materiale. 

........................................

Il concetto può apparire anche un tantino triviale, non si vuole certo dare l’idea di considerare l’uomo come un oggetto. In ogni caso, non in pubblico! Ma sarebbe più elegante fare questa cosa, o prendersi per i capelli e far finire un amicizia che dura da tanti anni e a cui si tiene tanto?

Comunque per poter gestire regole ed accordi, è fondamentale che il ragazzo non sappia che su di lui viene  fatta tale contrattazione! Ma questo qualsiasi donna già lo sa da sempre!

.....................................

giovedì 9 dicembre 2021

INGRANDITELE LA CUCINA!


Bisogna ammettere che è così! Le donne sono svantaggiate! Sempre a correre, sempre lavori da fare. Casa, spesa, figli. E molte lavorano anche fuori casa.

E’ umanamente comprensibile che a volte alcune vanno in crisi e cominciano a lamentarsi, a dire che vengono sfruttate, e poi, può succedere anche che: " Cominciano a chiedere maggiore libertà! "

Come dovremmo reagire a questi segnali di insofferenza? Io dico che ci vuole maggiore comprensione. Bisogna cercare di capirle e venire incontro ai loro primordiali bisogni. 

Io, non è per vantarmi, ma a mia moglie faccio fare quello che vuole. La chiudo in casa e la lascio libera di creare. Ma da sempre... 

Ma cosa si potrebbe ancora fare? Vogliono più spazio, vogliono più libertà? 
INGRANDITELE  LA  CUCINA!



Specialmente se amano farlo, se gli piace, fatele cucinare! Un proverbio noto dice:
“ Moglie cucinera, pigliala per mugliera! “

Traduco per i nordici: << Moglie brava a cucinare, sposala subito! >>


E' poi chi è che non lo sa?
" La bellezza col tempo passa, ma la fame, no! "

Cucinare che cosa? E’ solo un suggerimento, ma se le provate, non ve ne pentirete!


        “ ORECCHIETTE AL  RADICCHIO E             GORGONZOLA “


Per informazioni sulla preparazione vi rimando al  solito grande Blog :


.........................................................................


venerdì 19 novembre 2021

IL PIANETA TERRA STA MIGLIORANDO_


A Napoli e nella laguna di Venezia da un secolo non si vedeva un mare così cristallino. Addirittura in alcune zone di mare in Italia si moltiplicano gli avvistamenti di delfini.

In alcuni centri abitati si cominciano a vedere non solo i cinghiali, questo sarebbe scontato, si incontrano i daini, le lepri e i cervi. 

La pianura padana, l’area più inquinata d’Europa, ha visto un notevole abbattimento delle PM10, le polveri sottilissime dovute all'inquinamento che rovinano i nostri polmoni.



Il cielo non è mai stato così limpido, quasi completamente privo di traffico aereo si sta purificando.

Le enormi navi che trasportavano tonnellate di roba inutile dalla  Cina, capaci di inquinare come 50.000 automobili, ci stanno dando tregua. 

E quanti alberi in meno abbattuti, e quante terre altrimenti depredate di materie prime allo scopo di produrre tutto il superfluo di cui l'uomo si è scoperto avere bisogno.

Il Covid 19 ci sta insegnando che la nostra economia, basata sul consumo, significa la distruzione del nostro meraviglioso pianeta. 

La natura sta lentamente guarendo. È veramente disarmante constatare come la nostra malattia corrisponda alla sua guarigione. Se muore l'uomo vive la natura.

mercoledì 3 novembre 2021

ALZA LE TUE VELE_


Possiamo continuare a raccontarci che non siamo ancora pronti, che questo non è il momento giusto e che quando arriverà la possibilità e l'occasione avremo la giusta motivazione e allora finalmente riusciremo a realizzare i nostri progetti...

La verità è che alcuni stanno vivendo la loro vita come navi attraccate al porto con le vele ammainate.

Hanno paura di amare, perché qualcuno li ha fatto soffrire in passato. Hanno paura di affrontare anche un minimo sacrificio, perché è più facile trascorrere le giornate tra qualche effimero piacere. Hanno paura di fallire, perché non sono disposti ad accettare il rischio di provare a crescere.

Rimanere all'interno del loro “porto” in fondo gli dà una minima illusione di sicurezza. Perché rischiare? In mare aperto una tempesta potrebbe spezzarli e spazzarli via in una sola notte, mentre nelle loro acque stagnanti e silenziose non succede mai niente, si sentono al sicuro.




Gli uomini non sono stati creati per stare fermi, la nostra natura è quella degli esploratori. Siamo navi che desiderano il mare, accontentarsi di una pozzanghera non è vivere. 


Non è più tempo di rimandare. 

Non è più tempo per rimandare.

Mettiamo da parte scuse e paure. Concentriamo le nostre energie e le nostre risorse su ciò che desideriamo davvero nella vita e, alziamo le vele.

Ci attende un futuro meraviglioso_




sabato 23 ottobre 2021

SORRISI IN QUARANTENA_


Nasce il gelato al gusto Facebook. Lo assaggi tu, e piace a qualcun altro.
………………………

 Romeo, mai una volta che mi porti al cinema.
– Giulietta, ma non esiste il cinema.
– Certo Romeo, quando voglio fare qualcosa io, non esiste mai!
………………………

Come disse il prete celebrando la messa su Facebook: « E adesso scambiatevi il segno del 'mi Piace' ».
………………………

Questa cosa che per prelevare i soldi al bancomat prima ce li devi mettere, deve finire.
………………………

Hanno scoperto che uomini e donne non possono essere amici. E adesso chi glielo dice a Facebook?



Ho fatto lo sgambetto a uno che faceva jogging. Perché io sono una che non lascia correre.
………………………

Non puoi dire a un uomo: « Cerca di capire». 
Una cosa alla volta. O cercano, o capiscono.
………………………

Per scatenare il panico nella casa del Grande Fratello VIP,  alla prossima edizione hanno deciso di fare entrare nella casa una decina di libri.
……………………...

Se vai a lavorare canticchiando felice, possono esserci solo tre spiegazioni:
Sei miliardario? Ti droghi? Sei uno dei sette nani?
……………………….

Se ti pesa dire che hai 40 anni, prova a dire che ne hai 39,99. Alla Lidl funziona.
……………………....

E se sei uno di quelli paranoici, quelli che si sentono sempre osservati e a cui non piace essere seguiti. Esci subito da Facebook!