Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

giovedì 11 maggio 2017

LA SALERNO CHE FU’ (107)


Io non ho vissuto l’età del fascismo e la conseguente guerra, ma mi sono informato molto sull'epoca. Naturalmente quello che succedeva nella Salerno che fu, all'epoca del fascismo, succedeva nell'Italia intera.

In quegli anni i figli maschi, dopo la scuola, raggiungevano il padre sul lavoro. Era un’usanza tollerata anche negli uffici comunali perché ammantata da principi morali.

I bambini non dovevano stare in casa a infastidire le madri che lavoravano, né andare a zonzo; Era bene che imparassero il mestiere paterno. 

Nella pratica i ragazzi finivano per lavorare sul serio e gratis: venivano mandati a fare commissioni, trasportavano i secchi di calcina se il padre era muratore, ripulivano la bottega, riempivano i misurini di granaglie in negozio, imparavano ad avvitare bulloni, a riparare le biciclette, a piallare. Prima dei dieci anni erano già eccellenti apprendisti e pochi di loro, avrebbero in seguito cambiato mestiere, se non quel tanto imposto loro dall'evoluzione tecnologica e sociale.



I piccoli carbonai di allora probabilmente avranno poi commerciato in elettrodomestici e bombole di gas. Quelli che impararono a  riparare le biciclette avranno messo su un’autofficina. I venditori di granaglie potrebbero essere stati in seguito padroni di un supermarket. I garzoni di falegname avranno venduto cucine di laminato plastico. Alcuni figli dei burocrati municipali forse ne hanno poi ereditato il posto, spesso il medesimo ufficio. 

E solo ai nostri giorni che i giovani non sanno realmente che lavoro fare.

Per chi ama le storie della Salerno che fu:
http://rideresalerno.blogspot.com/2017/05/la-salerno-che-fu-106.html
Posta un commento