Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

giovedì 1 giugno 2017

LA SALERNO CHE FU (110)


Naturalmente io non ho vissuto l’età del fascismo e la conseguente guerra, ma mi sono informato molto sul periodo. Naturalmente quello che succedeva nella Salerno che fu, all’epoca del fascismo, succedeva nell’Italia intera.

………………………

Per quasi un decennio, il primo dell’era fascista, i proprietari dei Cinematografi  ebbero fama poco migliore di quella di chi gestiva una casa di prostituzione. Non certo per la qualità degli spettacoli, a cui quasi nessuno badava, quanto per il buio della sala. 

Una folla che entrava in una sala per sprofondare nell'oscurità, secondo la morale comune, aveva di sicuro fini sordidi: il palpeggio, il borseggio e affini.



La resistenza della piccola borghesia al cinematografo fu cocciuta e vigorosamente sostenuta dalla morale corrente. I ragazzi dovevano andarci di nascosto, le ragazze mai. Gli adulti si vergognavano. E la popolazione del cinema, per lungo tempo, fu tartassata dalle maschere e dagli stessi proprietari, i quali finivano per pensarla alla stessa maniera.

Non ci si poteva fidare di chi entrava, soprattutto se giovane, ecco i controlli a ripetizione dei biglietti, e i poveracci presi per un orecchio e trascinati in strada a calci da energumeni, in divisa quasi da circo, che funzionavano da maschere.

Era proibito assistere a un film più di una volta,  i buttafuori entravano in sala e sgomberavano posti secondo il loro umore: 
« Fuori! Lei è qui già da due ore, mi ricordo. »

Per chi ama le storie della Salerno che fu:
http://rideresalerno.blogspot.it/2017/05/la-salerno-che-fu-107_24.html

Posta un commento