Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

martedì 27 agosto 2013

SALERNO DA RIDERE

Le cose che ci capitano nella vita, a volte ci sembrano insopportabili, ma si può sempre imparare da esse.  Si può sempre  migliorare come persone, continuare a sperare che possa cambiare qualcosa. Pensate al grande insegnamento che si nasconde dietro al: 

 “Chi ti dice che sia un male?”

E’ una storia che viene tramandata, dalle nostre parti,  di generazione in generazione. Comincia con due amici che si incontrano nella piazza del paese e l’uno confida all'altro le sue preoccupazioni:

 << Che guaio mi è capitato! Avevamo comprato un cavallo, mio figlio si era così affezionato alla bestia. Cosa va a capitare?  Il cavallo è scappato dalla stalla. Adesso mio figlio è disperato! >>

E l’amico:  << Il cavallo è scappato? E chi ti dice che sia un male? >>

E l’altro: << Ma cosa stai dicendo, hai capito quello che ti ho detto? >>

E l’amico: << Ho capito, ma aspetta un poco, vedi come va a finire la faccenda prima di disperarti! >> 

Alcuni giorni dopo i due si rincontrano e l’amico che si lamentava della fuga del cavallo è tutto elettrizzato:

<< Avevi proprio ragione tu! Sei un uomo veramente saggio.  E’ successo che il giorno dopo il nostro incontro, il cavallo tornò a casa. Ma sai, non è tornato da solo, insieme con lui sono arrivati altri cinque cavalli selvaggi, mio figlio non sta nella pelle! >>

E l’amico filosofo: 
<< Insieme a lui sono arrivati altri cinque cavalli? E’ chi ti dice che sia un bene! >>  

Alle amichevoli proteste dell’amico rispose:

<< Prima di dire se sia stato un bene o un male, aspetta qualche giorno! >>

E la storia continua, gli amici si rincontrano e il proprietario dei sei cavalli dice all’altro: 

<< Sai, ho molto da imparare da te!  Avevi ragione anche questa volta!  E’ successo che mio figlio cavalcando uno dei nuovi cavalli è caduto.  Adesso sta con una gamba rotta all'ospedale, che guaio! >>

E  l’altro: << Tuo figlio si trova all'ospedale con una gamba rotta?  Tu dici che questo è un guaio? E’ chi ti dice che sia un male? Aspetta e vedrai! >>

Quando si rincontrarono l’amico che aveva il figlio all'ospedale riprese ad elogiare l’altro: 

<< Tu sei una persona straordinaria! Non ci volevo credere ma è la realtà delle cose! Meno male che mio figlio stava all'ospedale  L’altra notte è crollata l’ala della mia casa, proprio in corrispondenza della stanza di mio figlio. Se mio figlio invece di stare all'ospedale fosse stato a dormire nella sua stanza, oggi sarebbe morto.  E’ una fortuna che si trovava in ospedale! >>

Questa mentalità del: “Chi ti dice che sia un male?” Aiuta tanto nella vita! Non si può combattere sempre contro i mulini a vento! 
A volte può essere necessario lottare e, se è possibile, cambiare qualche situazione estrema. Quando le cose non si possono cambiare è meglio prenderla con filosofia! Dalle nostre parti i problemi sono atavici e secolari. Abbiamo uno svantaggio industriale ed economico rispetto al nord. Quantunque le cose migliorassero, lo svantaggio rimarrebbe. E’ come partecipare ad una corsa partendo in grave ritardo. Si può anche fare una gara eccezionale ma è impensabile sperare di vincere!

Posta un commento