Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

giovedì 3 novembre 2016

LA SALERNO CHE FU’ (81)


In questo mondo a volte, è anche difficile dire o sostenere quello che è giusto! Sembra non sia neanche tanto conveniente! Almeno fino ad un certo punto della mia vita mi è sembrato così. Un esempio? 

...................................

Oggi i Figli ricevono dai Genitori molto in senso materiale. Nella Salerno che fu si riceveva raramente qualche dono, qualche giocattolo.
Posso affermare che nel mio caso specifico la cosa avveniva a scadenza annuale. Il sei gennaio, nel giorno della Befana.

Per noi Bambini era qualcosa di elettrizzante attendere questo giorno. Nel mio caso anche questa parvenza di felicità non è durata molto!
Potevo avere circa otto anni, era appena iniziato il mese di dicembre, ed eravamo già in attesa del periodo festivo che poi si sarebbe andato a concludere con l’atteso regalo.

Una mia zia era venuta per qualche giorno a stare da noi. Così un giorno stavamo parlando proprio del regalo che mi sarebbe tanto piaciuto ricevere, quando lei guardandomi molto seriamente mi chiese se volevo conoscere la verità sulla Befana.
E quando mi vide particolarmente interessato all'argomento non esitò a parlarmene.



La Befana, mi rivelò, erano i miei stessi Genitori! Dopo qualche giorno in cui rimuginai la cosa, la mia iniziale incredulità svanì. Non poteva essere che così. Ma perché nascondersi dietro questa fantasiosa vecchietta? Non sarebbe stato più semplice, e anche gratificante risultare, così come lo erano, i veri responsabili del Dono?

Mah! Cosa fare adesso? Fingere di non sapere nulla? Qualche giorno dopo mia Madre aprì l’argomento chiedendomi quale dono avrei preferito dalla Befana. Dopo un combattimento interiore durato qualche ora avvicinai mia madre e le dissi:
 “Mamma, conosco la verità! “ 

Immaginate la reazione di mia madre: << Figlio mio, quale verità, di cosa stai parlando? >>

La poverina era molto preoccupata! Forse pensò che mi riferissi ad altre situazioni, come nascono i bambini per esempio. Non si era preparata ancora per trattarmi l’argomento. Io questo tipo di argomento l’avevo già trattato in una maniera esaustiva con i miei amichetti. Se avesse iniziato a parlarmene, avrei potuto anche aiutarla a portare a termine il ragionamento. 

Avrei potuto anche darle qualche consiglio sui metodi anticoncezionali, visto che a casa nostra i metri quadri per abitante si erano notevolmente ridotti. Quando poi le dissi che sapevo che la Befana era lei, prima tirò un sospiro di sollievo, e poi mi disse: 
<< Visto che lo sai, quest’anno la Befana non ti porta niente! >>  

Per chi ama le storie della Salerno che fu:
http://rideresalerno.blogspot.it/2016/10/la-salerno-che-fu-80.html

Posta un commento