Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

mercoledì 14 dicembre 2016

LA SALERNO CHE FU’ (87)


Io non ho vissuto l’età del fascismo e la conseguente guerra, ma mi sono informato molto sull'epoca. Naturalmente quello che succedeva nella Salerno che fu, al tempo del fascismo, succedeva nell'Italia intera.

………………………

Sul posto di lavoro non c’era nessuna pietà per gli afflitti da esaurimento nervoso, depressione, debolezze varie, nevrastenie, mal di testa, ecc. ecc.

Per qualsiasi cosa veniva sussurrato un suggerimento che era anche un monito e un ultimatum:
 << Prova con l’Ischirogeno. >> 

Venduto come una panacea nelle farmacie, il flacone d'ischirogeno non soltanto prometteva di abbreviare le convalescenze, ma era considerato la prova finale, il giudizio di Dio.
L'esame conclusivo, grazie al quale distinguere malattie autentiche da "Malattie da pigrizia". 

Era un preparato a base di "fosforo, ferro, calcio, chinina e stricnina" che annichiliva,(si credeva), quasi tutte le presunte malattie tipiche dei Lavoratori.




Qual era il punto di vista del regime sul tema salute?
<< L'uomo vigoroso e forte, ha fiducia in se stesso e combatte, sfidando ogni ostacolo, perché è sicuro di vincere. Egli s’impone all'ammirazione degli altri i quali lo applaudono e stimano giusto e meritevole che egli trionfi. Al contrario, il debole, il nevrastenico, è sempre dubbioso, non ha alcuna iniziativa né speranza, si lascia andare e rimane inerte e triste. Gli altri giustamente lo trascurano e lo sorpassano. E’ necessario dunque che costui faccia una cura ricostituente che possa ridargli sanità e vigoria. 

<< Hai provato l’Ischirogeno? >>
Era l’ultimo avviso da non prendere alla leggera!

Si poteva vincere la guerra? Infatti l’hanno persa!


Per quelli che amano le storie della Salerno che fu:
http://rideresalerno.blogspot.it/2016/12/la-salerno-che-fu-86.html

Posta un commento