Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

domenica 15 gennaio 2017

LA NAPOLI CHE FU’ (6)

Non si può parlare della Napoli che fu e trascurare i classici Napoletani. Quelle canzoni immortali che hanno fatto conoscere Napoli e la sua storia al mondo. Ebbene molte di esse hanno una loro storia. Non è bello poterla conoscere?

Il classico di cui vi parlo oggi è:
  “ Te voglio bene assaje! ”

Potete ascoltarla qui in una vecchia interpretazione di Miranda Martino:
https://www.youtube.com/watch?v=fSH8ysoMjcg

…………………

La festa di Piedigrotta è stata la più grande manifestazione canora che Napoli ricordi. La svolta decisiva per la manifestazione si ebbe nel 1835 a seguito del clamoroso successo proprio di questa canzone.



La musica piacevole ed i versi accattivanti ne fecero una vera ossessione per i Napoletani. La si cantò per anni dappertutto ed in qualsiasi momento. 
Il poeta Raffaele Sacco, di professione ottico e frequentatore dei salotti partenopei, scrisse la canzone dedicandola ad un'avvenente signora, con la quale avrebbe avuto una relazione.
Persino il Clero si interessò alla cosa e Sacco (per non inimicarsi il Cardinale Riario Sforza) ne compose una variante "ecclesiale". La canzone portò grande fama a Sacco, ma pochi soldi. Infatti rimase un ottico nella sua bottega.

Secondo una leggenda il capolavoro fu musicato addirittura dal grande  Gaetano Donizetti. 
Il brano vendette 180.000 copielle, una cifra pazzesca per quel tempo. Questo attirò l’attenzione degli editori che fino a quel momento si erano occupati solo di musica classica. 
Nasceva così la Piedigrotta delle canzoni.

Per chi ama le storie della Napoli che fu:
http://rideresalerno.blogspot.it/2016/12/la-napoli-che-fu-5_25.html


Posta un commento