Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

domenica 26 marzo 2017

LA NAPOLI CHE FU’ (10)


Chi più di tutti prestava aiuto, nella Napoli che fu, era la vicina di casa. A questo proposito ha scritto qualcosa in un suo libro Riccardo Pazzaglia:

La "Signora a Fianco" è una istituzione Napoletana. Quando in casa manca qualcosa all'ultimo momento, si bussa alla porta di fronte e si chiede alla vicina. Prezzemolo, basilico, un limone, ago e filo, sale e pepe, fogli e buste: la signora a fianco immancabilmente ha tutto, e lo presta volentieri. 

Al vico Limoncello non avevamo nessuno 'a fianco', ma sopra di noi c'era la famiglia Cirillo, ed era tale l'andirivieni dei D'Orta e dei Cirillo nelle rispettive case, che le porte d'ingresso erano lasciate aperte tutto il giorno, rimanevano chiuse solo quando si andava a letto. Allora infatti non si temevano ladri e scassinatori, un po' perché nelle case c'era ben poco da rubare, un po' perché erano tempi più sicuri di questi.



Che cosa è, oggi, un Vicolo Napoletano? E che ne è stato della Signora a Fianco?

Oggi, la 'Signora a Fianco' non sappiamo neppure che faccia abbia (ne sentiamo soltanto i rumori), e quando in casa manca qualcosa all'ultimo momento, ci chiediamo disperati come rimediare. A meno di non scendere in strada e acquistare quanto ci serve, bisognerà rinunciare a condire l'insalata col limone, o a prepararci una tazza di caffè, o a cucinare una frittata. 

Ma se anche, spinti dalla necessità, decidessimo di bussare alla sua porta (blindata), nei timorosi momenti di attesa, dovremmo domandarci: ci aprirà? Dopo averci osservati ben bene dallo spioncino, prenderà a cuore la nostra richiesta di aiuto? Terrà a freno il cane?

Posta un commento