Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

mercoledì 30 aprile 2014

LA RICERCA DELLA FELICITA! (6)


Come esistono Leggi precise che controllano l’ordine naturale delle cose nell'universo, stagioni, gravità, magnetismo, esistono altri tipi di leggi, principi eterni, che se seguiti ci predispongono per una vita Felice, possono insomma creare in noi uno stato di Felicità. 
1)- L’ATTEGGIAMENTO!  

Il Genere Umano si può dividere in due categorie: 
Quelli che agiscono e quelli che subiscono. Mentre i secondi si presentano come le impotenti vittime  delle circostanze e delle azioni altrui, e si lasciano continuamente travolgere dagli avvenimenti, i primi sanno che la loro felicità dipende dagli atteggiamenti e dai comportamenti che adottano. 
Vanno incontro alla propria gioia, non la fanno dipendere dagli altri, non dipendono completamente dal coniuge, dai figli, dagli amici. 
Hanno una visione chiara dei loro bisogni e non navigano nella nebbia.
A volte, è vero, in questa vita ci si sente depressi, come immersi in una nuvola nera, non si riesce a vedere nessuna via d’uscita.   
Ma esiste una regola aurea della felicità:
“ Si è felici nella misura in cui si decide di esserlo!” 


Spesso nella vita acquisiamo Atteggiamenti negativi. C’è stato insegnato che dobbiamo sempre attenderci il peggio, perché così non saremo mai delusi. Questa è una regola falsa perché distrugge i nostri sogni e c’impedisce di provare. Ci si aspetta il peggio? Si ottiene inevitabilmente il peggio. 
Come se in una stanza qualcuno ci invitasse a memorizzare tutti gli oggetti di colore marrone presenti in essa, poi ci chiedesse di chiudere gli occhi ed elencare invece tutti gli oggetti di colore blu. Anche se intorno a noi ci sono degli oggetti blu, difficilmente li ricorderemmo, siamo stati condizionati a non vederli. Così nella vita ci è stato detto che ci dobbiamo aspettare sempre il peggio, e noi ci lasciamo sfuggire il meglio. 
Ecco il motivo per cui anche persone di successo arrivano all’alcolismo e alla droga, vedono solo quello che manca nella loro vita. Creano la propria infelicità. Cosa accade di solito quando si è in procinto di fare qualcosa e si prevede il peggio? Pensate ad un Atleta del salto in alto mentre corre verso la sbarra e pensa:  “Non ce la farò, non ce la farò mai”. 


Posta un commento