Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

giovedì 23 febbraio 2017

LA SALERNO CHE FU’ (96)


Col passare degli anni mio Padre si rese conto che solo col commercio di fiori era complicato far vivere una moglie e sei figli, così riuscì ad inserirsi nel business delle Agenzie Funebri. L’accordo era che se qualcuno chiamava mio Padre per i fiori e non aveva ancora scelto l’Agenzia Funebre, mio Padre l'ho indirizzava alla sua Agenzia di riferimento. 
Se invece la famiglia entrava nell'Agenzia con cui collaborava mio Padre per commissionare il Funerale, ma non aveva ancora ordinato i fiori, l’Agenzia passava le ordinazioni dei fiori(corone, cuscini, crocette e varie) a mio Padre. 

Questo nuovo sviluppo di lavoro  ebbe risvolti positivi per la nostra famiglia. Avemmo sicuramente meno problemi economici. Ho saputo nel tempo che in Italia alla fine degli anni 60’ c’è stato un boom economico. Noi come famiglia non ce ne eravamo proprio accorti! Ma con questo nuovo metodo di lavoro mio Padre riuscì a portare almeno avanti dignitosamente la famigliola. 



Quello che cambiò drasticamente fu l’argomento di conversazione principale della casa. Mentre prima si argomentava:
   “E’ morta tale persona, i fiori li ha fatti quel fetente di…” E quindi l'eventuali maledizioni da mandare  al collega fioraio e alla famiglia del defunto, da quello sviluppo di lavoro in poi il nuovo argomento di conversazione diventò: 
“E’ morta tale persona, a chi è stato commissionato il funerale?” E quindi eventuali maledizioni da mandare  al collega fioraio, alle altre agenzie funebri e alla famiglia del defunto. 

  Volendo usare le stesse esatte parole di mio Padre il nuovo argomento di conversazione in breve si trasformò in:  “Chi ha preso il Morto?”  

....................................

Per chi ama le storie della Salerno che fu:
http://rideresalerno.blogspot.it/2017/02/la-salerno-che-fu-95.html                                                                                                                 



                                                                                                                     




Posta un commento