Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

venerdì 2 agosto 2013

SALERNO DA RIDERE

 Il vecchio Regno delle due Sicilie che comprendeva tutta la parte meridionale dello stivale, dalla Campania in giù, ha determinato una situazione strana.
Spesso succede che non solo i Napoletani veraci, ma tutti i meridionali sono considerati nella stessa maniera. Tutti vengono chiamati quando sono altrove, Napoletani!

Io sono nato a Salerno e sono naturalmente innamorato della mia città.
Per me Salerno è la città più bella del mondo! Chi si trova sulla lungomare di Salerno viene attratto per lo più dall'infinito mare che si trova di fronte.
E’ stupendo invece, in una bella giornata di sole, dare le spalle al mare è guardare a destra tutto il golfo, dalla zona orientale della città giù in fondo alle coste del Cilento,  fino ad Agropoli. Poi guardare a sinistra la meravigliosa costa che da Vietri sul Mare arriva prima a Cetara e poi continua verso Amalfi e Positano.  E’ straordinario quindi guardare di fronte la città che si arrampica tutta circondata dai monti! Sembra di essere come tanti bambini in braccio ad una madre protettiva e generosa.

 Salerno somiglia molto a Napoli.     E’ una Napoli in miniatura. La lungomare, il porto, il centro storico. Tanta è la somiglianza, che spesso, dovendo girare una pellicola a Napoli, i registi preferiscono per molte scene, girare direttamente a Salerno.

Napoli ha Capri, Ischia, Sorrento. Salerno ha Positano, Amalfi, La costiera Cilentana. Napoli ha gli scavi di Pompei. Anche  Salerno ha le sue bellezze archeologiche a Paestum. Naturalmente i Salernitani per campanilismo non vorrebbero mai essere confusi con i Napoletani. Ma che senso avrebbe vivendo al Nord-Italia, in Europa o in America dire: “Io non sono Napoletano, sono Salernitano!”

Sono città in cui se si riuscisse a sfruttare solo il turismo, non ci sarebbero più disoccupati! 
                                                                                                                                                                              



Posta un commento