Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

sabato 7 giugno 2014

LA SALERNO CHE FU’ ! (4)


Un altro interessante diversivo, per noi ragazzi, era rappresentato dal mostrare coraggio in un altro campo. Cosa facevamo? 
Ci mettevamo in un incrocio o al termine di una salita ripida in cui, le rare auto del tempo, erano quasi costrette a fermarsi. Il nostro scopo era afferrare il posteriore dell’auto e sedendoci sopra farci scorrazzare per un poco. Qualcuno ritornava dopo qualche ora, dicendo che era stato trasportato all'altro capo della città.
Naturalmente a volte si esagerava. Non difettavamo certo di fantasia!

Ricordo che all'epoca, in alcuni rioni di Salerno, c’erano  giganteschi contenitori di rifiuti all'aperto. Non so perché, ogni tanto, avevamo l’insana abitudine di scavalcarli e nuotare fra le immondizie varie per cercare qualche gioco, qualcosa di interessante per noi. E non prendevamo neanche il tifo!



A volte qualcuno di noi, lanciava qualche idea particolare, normalmente pseudo criminale e si cercava di attuarla. Per un periodo andavamo per bar, a gruppi di tre o quattro. Uno di noi chiedeva un bicchiere d'acqua, allo scopo di distrarre il barista, un altro rubava  qualche moneta dal bicchiere o dal piattino che veniva usato per le mance. Il bottino era magro, ma l’eccitazione tanta.

Qualche volta non si disdegnava il colpo grosso. Un giorno scoprimmo il deposito di una nota fabbrica di biscotti e caramelle. Così una sera, alla chiusura, riuscimmo a forzare una porta e a introdurci.
Portammo via parecchi cartoni, ancora imballati, pieni di dolcetti e caramelle. Li andammo a nascondere in un posto che ritenevamo sicuro. E chi dormì quella notte!
Non ne abbiamo mai aperto neanche uno. Era tanto il timore di venire scoperti, che il giorno dopo, facemmo una telefonata anonima, ed indicammo l’ubicazione della refurtiva. Furono giorni di grande preoccupazione.

Leggete anche:
http://rideresalerno.blogspot.com/2014/05/la-salerno-che-fu-3.html
Posta un commento