Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

giovedì 30 luglio 2015

UOMINI, GATTI, E BAMBINI!


In questo sistema di cose ci sono tante persone che a volte diventano famose. Oggi con le televisioni,  i computer, youtube e varie, ci vuole poco per essere riconosciuti pubblicamente. Qualcuno potrebbe pensare che questo divenire celebri possa essere frutto di particolari capacità, di uomini che si elevano dalla massa a causa di una sapienza o intelligenza particolare. 

Sbagliato. A conoscere poi quello che dicono ci si rende conto di dove può arrivare a volte la stupidità umana. Essere stupidi, comunque,  non è soltanto una caratteristica moderna, facciamo qualche esempio di grandi uomini del passato.

....................................

“Se durante un incendio dovessi scegliere fra salvare un Rembrandt o un Gatto, sceglierei il Gatto.“

Questa nobile intenzione fu espressa da Alberto Giacometti, scultore svizzero morto nel 1966. Alcuni conoscono le sue opere, esili figure surrealiste: altissimi personaggi in bronzo, simili a fantasmi di marziani in cammino. 

Cosa dicono degli animali, e del loro rapporto con gli uomini altri illustri personaggi? Avrebbe certamente scelto il Rembrandt lo scrittore ebreo-tedesco Joseph Roth, una sua perla di saggezza: 
«Non amo gli animali, e ancor meno le persone che li amano. Le persone che amano gli animali sottraggono una parte dell'amore agli uomini». 




Non molto diversamente si pronunciava Jean-Paul Sartre, celebre filosofo e scrittore, introducendo nel concetto anche i bambini, diede questa sua particolarissima opinione: 
« Quando amiamo troppo gli animali e i bambini, li amiamo a spese degli uomini. » 

Un'altra paradossale variazione sul tema è quella spesso citata dello scrittore inglese Lawrence Durrell:  « Un uomo che odia i cani e i bambini non può essere cattivo. »

Queste sono dimostrazioni evidenti di come anche persone intelligenti, siano capaci a volte di dire cose molto, molto stupide!

.........................................
Posta un commento