Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

venerdì 30 ottobre 2015

LA SALERNO CHE FU’ ! (51)


In giro per Salerno capitava d’incontrare spesso anche un altro personaggio pittoresco. Era un giovane psicolabile che possedeva un piccolo giradischi portatile. Lo portava sempre con se e vi attingeva in continuazione, ad alta voce, brani musicali strettamente in lingua napoletana. 

L’apparecchio era sempre, costantemente in funzione, ho sempre pensato che il padre del poverino, probabilmente, doveva essere proprietario di una fabbrica di pile! 



Adesso i telefonini hanno anche questa  funzione. 
I ragazzi vi possono ascoltare in continuazione musica. Alcuni lo usano come apparecchio fotografico, c’è chi lo usa per immagazzinare filmati. Si collegano col mondo di internet, ci giocano! Si guardano con Skype, e si mandano i messaggini con Watsapp!

Dovevano tornare a casa almeno per guardare qualcosa alla TV, adesso ce l’hanno sul cellulare. Se in futuro si riuscirà a costruirne uno da cui escono anche le merendine, potranno fare a meno della casa e della famiglia. Vogliamo parlare della minorenne che ha ucciso la madre perché, a causa dei bassi voti a scuola, le aveva momentaneamente tolto lo Smartphone?

Non ci meravigliamo allora del sondaggio fatto da un noto centro di ricerca in cui si chiedeva cosa avrebbero voluto portare con se alcuni ragazzi per una settimana su di un isola deserta. 

Le alternative erano un Amico, il Telefonino o i Genitori? 

Quale poteva essere il risultato del sondaggio? Facile, naturalmente il Telefonino!

Per ulteriori Post sulla Salerno che fu:
http://rideresalerno.blogspot.it/2015/10/la-salerno-che-fu-50_23.html

Posta un commento