Salerno di notte

Salerno di notte
SALERNO SENSACIONAL

giovedì 22 giugno 2017

LA SALERNO CHE FU (113)


Io non ho vissuto l’età del fascismo e la conseguente guerra, ma mi sono informato molto sull'epoca. Naturalmente quello che succedeva nella Salerno che fu, al tempo del fascismo, succedeva nell'Italia intera.
…………………………

Il Cinema, come era normale avvenisse, piano, piano, cominciò a sfidare le iniziali diffidenze.

Mussolini tentò anche di usarlo come un’«Arma Formidabile» per la formazione culturale e politica del popolo. Impegnò allo scopo ingenti capitali nella promozione dell’industria Cinematografica, ma con scarsi risultati per la propaganda.



Si andava al Cinema, di quando in quando, scegliendo oculatamente (due o tre lire di biglietto a testa,) film adatti ai figli o di puro divertimento.

Più suscettibili al fascino della propaganda potevano essere le platee periferiche, ma valeva la pena al tempo in cui il regime aveva già ottenuto il massimo dei consensi , dedicare i capitali di stato per migliorare le serate dei poveri Italiani? 

Forse sarebbe stato meglio limitarsi a controllare che i Film in programmazione non disturbassero i principi del fascismo.

Nella sostanza, l’Arma Formidabile pensata dal duce, si ridusse all'imposizione del cinegiornale Luce in coda ai Film. Un quarto d’ora di cronache esaltanti ed esaltate sulle iniziative del regime, le inaugurazioni, le esercitazioni militari, le trionfali uscite del duce e poco più.

Per chi ama le storie della Salerno che fu:
http://rideresalerno.blogspot.it/2017/06/la-salerno-che-fu-112.html



Posta un commento